giovedì 4 febbraio 2021

La 3 D Linguistico dell'ITCS "Filippo Pacini" di Pistoia ha chiacchierato niente meno che con Francesco Petrarca. Ecco il testo dell'intervista.

 

INTERVISTA IMMAGINARIA A FRANCESCO PETRARCA


 

 

INTERVISTATORE: Ci troviamo ad Avignone, nella mistica cornice del chiostro della chiesa nella quale il nostro poeta incontrò per la prima volta l’amore della sua vita. Mi riferisco a Francesco Petrarca, che ha cortesemente accettato di rispondere alle nostre domande in questo luogo a lui particolarmente caro.

Signor Petrarca, innanzitutto la ringrazio per averci concesso questa intervista. 

 

PETRARCA: Grazie a te, giovane studente che desideri conoscere la mia opera e che dimostri tanto interesse per la donna che ha ispirato i versi immortali del mio” Canzoniere”.

 

INTERVISTATORE: Signor Petrarca, lei che è stato un grande poeta, un ammiratore dei classici e un illustre intellettuale, famoso in tutte le corti, come spiega il suo tormento interiore e la sua passione inappagata per Madonna Laura?

 

PETRARCA: Vedi giovanotto, è vero che io ho amato la gloria, tanto da meritare l’incoronazione poetica nel 1341 a Roma dopo essere stato esaminato niente meno da Roberto D’Angiò, ma sono sempre stato consapevole che tutto ciò che è umano è destinato a finire.

Molti critici hanno sostenuto la teoria de “l’eterno dissidio” tra cielo e terra e non hanno avuto torto perché ho passato tutta la vita a tormentarmi con i sensi di colpa. 

Se hai letto il “Secretum”, capirai a che cosa intendo alludere. Tu hai letto il “Secretum”, vero?

 

INTERVISTATORE: Beh sì … so di cosa parla perché la prof ci ha fatto leggere il riassunto sul libro di testo. 

 

PETRARCA: Mmh… non basta leggere il riassunto; ti consiglio un’analisi attenta di questa mia opera e possibilmente nella versione originale latina perché il dialogo tra Francesco e Agostino (alla muta presenza della Verità) rappresenta uno spietato esame di coscienza nel quale esprimo rincrescimento per i miei molti errori.

 

INTERVISTATORE: Ah, molto interessante, Signor Petrarca! E che cosa si rimprovera in questo “Secretum”?

 

PETRARCA: Eh caro mio…  Innanzitutto mi dichiaro peccatore: la mia debole volontà non mi ha permesso di decidere una volta per tutte di dedicarmi completamente a Dio e poi l’amore per Laura e il desiderio della gloria mi hanno sempre distolto da pensieri più alti. 

Se tu vai a leggere il sonetto iniziale del “Canzoniere” capirai quello che voglio dire quando scrivo” quanto piace al mondo è breve sogno”.

 

INTERVISTATORE: Ci spieghi meglio, per favore.

 

PETRARCA: In questi versi mi rivolgo ai lettori e chiedo perdono non solo per il mio stile vario, ma anche per i cambiamenti del mio stato d’animo. Consapevole dei miei errori giovanili, mi pento amaramente e affermo la vanità di tutte le ambizioni terrene.

 

INTERVISTATORE: Sì, d’accordo. Lei dice di volersi pentire ma deve ammettere anche che  l’amore per Laura non lo abbandona mai per tutta la vita.

 

PETRARCA: Eh, tu sei giovane ma mi puoi capire. Laura era una donna speciale: era “uno spirto celeste” e “un vivo sole”. Tu non puoi immaginare il sentimento che provavo per lei, quando teneva “i capei d’oro a l’aura sparsi” o quando si bagnava “nelle chiare, fresche e dolci acque”, tutta ricoperta di fiori.

 

INTERVISTATORE: Confessi, Signor Petrarca, che la donna che cantava con versi così dolci non era esattamente la donna angelo degli Stilnovisti.

 

PETRARCA: Sì, dici bene giovanotto. Laura aveva le sembianze della donna- angelo ma io l’ho amata di un amore sensuale che mi ha impedito di rivolgere i miei pensieri solo a Dio. 

Confesso che, anche se la bellezza di Laura è stata aggredita dal tempo e alla fine lei è morta di peste, io non ho mai smesso di amarla perché, come dico in un famoso sonetto del “Canzoniere”, “piagha per allentar d’arco non sana”.

 

INTERVISTATORE: Capisco capisco … mi permetta un’ultima domanda un po’ impertinente.

Non vorrei essere indiscreto ma, visto che Laura non ha mai corrisposto il suo amore, ora che finalmente siete insieme nell’Aldilà, che atteggiamento ha l’anima di questa signora nei suoi confronti?

 

PETRARCA: Ah, ah, ah, la tua domanda è veramente maliziosa ma ti risponderò volentieri. In effetti, quando era in vita, madonna Laura non si degnava nemmeno di salutarmi mentre ora che ci ritroviamo insieme in Paradiso non mi lascia in pace un momento: non fa altro che ringraziarmi per averla resa immortale con i miei versi e insiste per avere un blog tutto suo tra le nuvole. Figurati che si è messa in testa di diventare una famosa influencer e tormenta tutte le anime che incontra mettendo in mostra ora le “trecce bionde”ora “l’angelico seno” e  asciugandosi gli occhi “col bel velo”. E poi i critici dicono che il vanitoso sono io!!

 

INTERVISTATORE: Coraggio Signor Petrarca, si consoli pensando che ormai tutti e due siete immortali.

 

PETRARCA: Eh si, caro giovanotto, è proprio questo il problema.

 

INTERVISTATORE: A questo punto la saluto e la ringrazio per essere stato così cortese e disponibile.

 

PETRARCA: Grazie a te e alla prossima. Ah, dimenticavo …  c' è qui il mio amico Giovanni Boccaccio che si offre per un’intervista. Anche lui ha una gran voglia di dire la sua e, se gli concedete dieci puntate (una al giorno) vi racconterà la bellezza di cento  novelle. 

 

martedì 1 dicembre 2020




 Dopo "Una storia fiorentina" e "Il dubbio di Bianca" arriva l'ultimo avventura di don Bruno Lancia:"Un segreto per Livia" . Presto in libreria da EFFIGI 

Tanto per riepilogare le mie pubblicazioni con EFFIGI :


 

venerdì 14 agosto 2020

 "Gianluigi Ramazzini e l'enigma dei fermodellisti suicidi" esce di nuovo (già pubblicato in "Doppio giallo"insieme a "Bergamotto, gelsomini e champagne"). Presto in libreria, sempre con "Effigi"